Comunicato stampa del 28 settembre 2016

Lunedì 31 ottobre 53 città, guidate da Siena, proporranno percorsi tra arte, cultura, spiritualità e fede.

XIII Giornata Nazionale del Trekking Urbano: la nuova frontiera del turismo sportivo in città.

Una camminata, adatta a tutte le età, con percorsi a piedi che fanno bene al fisico e all’anima.

SIENA. Scoprire le città d’arte italiane senza rinunciare a momenti di attività fisica all’aria aperta? Con il trekking urbano è possibile. Lunedì 31 ottobre torna l’appuntamento con la Giornata Nazionale del turismo sostenibile che quest’anno coinvolge 53 città e che abbina una sana camminata alla scoperta degli angoli più suggestivi dei centri storici italiani. L’edizione 2016 sarà dedicata al Giubileo e prevede nei 53 Comuni italiani, guidati da Siena, un ricco programma di iniziative per scoprire, camminando, le città, attraverso percorsi che uniranno arte, cultura, spiritualità e prodotti tipici. Ogni itinerario è dedicato a uno o a più luoghi della fede, rifugi dell’anima, custodi di opere d’arte e testimoni di miracoli e leggende. L’edizione 2016 della Giornata Nazionale Trekking Urbano sarà un viaggio tra sacro e profano, tra maestose cattedrali e basiliche di ogni epoca, tra santuari sperduti sulle montagne e piccole pievi di campagna, passando lungo antichi Cammini di fede per arrivare ai luoghi simbolo della cristianità.

La nuova frontiera del turismo sportivo in città. Il Trekking Urbano è uno sport dolce, adatto a tutte le età. Gli itinerari sono differenziati per lunghezza e per difficoltà, quindi possono essere percorsi sia da persone allenate che da trekker meno esperti. Il Trekking Urbano non richiede un particolare allenamento preventivo ed è ideale per essere praticato insieme da tutta la famiglia. Tra i benefici di questa nuova forma di turismo slow, che trasforma la città in una piacevole palestra a cielo aperto, c’è la tonificazione dei muscoli.

I benefici del trekking per la salute sono numerosi: camminare a passo sostenuto per almeno 20 minuti consente, infatti, di bruciare circa 150 kilocalorie; di allontanare i rischi legati a ipertensione e osteoporosi e di curare le conseguenze della vita sedentaria come stress, ansietà e depressione. Consente, inoltre, di migliorare nel complesso il quadro metabolico riducendo il rischio cardiovascolare. Gli itinerari proposti dalle 53 città che hanno aderito alla XIII Giornata Nazionale del Trekking Urbano hanno una durata media che varia da una a quattro ore, consentendo a chi li percorre di bruciare da un minimo di 450 kilocalorie (percorso di un’ora) a un massimo di 1.800 kilocalorie (percorso di quattro ore) per volta. In più è un evento rivolto a tutti senza bisogno di una preparazione fisica particolare. I percorsi, infatti, sono pensati per famiglie con bambini, ragazzi giovani e persone meno allenate.

Un’attività che fa bene a corpo e mente. Il Trekking Urbano è un’utile alternativa per tenersi in forma camminando, alla scoperta delle bellezze architettoniche e culturali dei centri storici d’Italia. Si tratta di un’attività che coniuga sport, arte, gusto e voglia di scoprire gli angoli più nascosti e curiosi delle città, attraverso itinerari caratterizzati da forti dislivelli del suolo e da scalinate.

Il Trekking Urbano non è solo uno sport, ma una forma di turismo sostenibile, per viaggiare o riposarsi, anche solo per un weekend, a prezzi accessibili a tutti. E’ un’attività che ha un impatto ambientale molto ridotto e che quindi si pratica all’insegna del rispetto per l’ambiente. Fa bene al fisico e alla mente, ma anche alle città perché permette di decongestionare le zone attraversate dai flussi turistici più intensi, rispettando la qualità della vita dei residenti e coinvolgendoli nell’esperienza di viaggio.

I numeri: le città del Trekking urbano 2016. Acqui Terme (Alessandria), Ancona, Arezzo, Asciano (Siena), Ascoli Piceno, Biella, Bologna, Buccheri (Siracusa), Cagliari, Caserta, Castelfranco Veneto (Treviso), Catania, Ceglie Messapica (Brindisi), Chieti, Cividale del Friuli (Udine), Conegliano (Treviso), Correggio (Reggio Emilia), Cosenza, Feltre (Belluno), Fermo, Follina (Treviso), Forlì, Grosseto, La Spezia, Lucca, Macerata, Mantova, Massa Marittima (Grosseto), Montalbano Jonico (Matera), Montebelluna (Treviso), Murlo (Siena), Napoli, Narni, Oderzo (Treviso), Padova, Palermo, Palmanova (Udine), Pavia, Pistoia, Ragusa, Rieti, Salerno, Salsomaggiore Terme (Parma), San Giustino (Perugia), Siena, Spoleto, Tempio Pausania, Terracina (Latina), Trento, Treviso, Urbino, Valdobbiadene (Treviso), Vittorio Veneto (Treviso). Saranno queste le 53 città che, con Siena capofila, si appresteranno a far vivere ai partecipanti alla Giornata Nazionale del Trekking Urbano esperienze ed emozioni, lungo le vie, sulle piazze, nei vicoli e tra scorci storici e naturalistici più suggestivi in Italia. Saranno 17 le Regioni rappresentate (Calabria, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Veneto) e 6 i capoluoghi di regione (Ancona, Bologna, Cagliari, Napoli, Palermo, Trento).

Post suggeriti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Trekking Urbanocomunicato_trekking_urbano