Terracina_Trekking_Urbano

TERRACINA
Il giro delle 7 Chiese camminando, visitando e degustando

Il percorso si snoda tra i quartieri della Marina, del Borgo Pio e del centro storico alto. Sette sono le Chiese presenti nell’itinerario, due i Mercati, cinque le Osterie Slow Food. Due le soste, la prima per degustare i prodotti tipici in compagnia degli studenti dell’Istituto Alberghiero “A. Filosi”, la seconda, presso il Palazzo della Bonifica, per visitare una Mostra fotografica sull’Uva Moscato e sulla Fragola Favetta di Terracina.

La partenza è prevista al Porto, punto di attracco della flotta di Pescherecci. Si raggiunge il Mercatino delle “Rezzetelle” ed il Mercato della Marina. Si prosegue per Via Annunziata, ripida salita che conduce alla parte alta della città. Si arriva al Foro Emiliano, monumento unico avendo conservato fino ad oggi non solo l’antica pavimentazione calcarea, ma anche l’originaria funzione di centro civile e religioso della città. Calpestando l’antica Via Appia si raggiunge Corso A. Garibaldi. Si attraversa Porta Romana e si percorre Via San Domenico fino al belvedere del Vecchio Ospedale dove si può ammirare uno splendido panorama. Si scende per Via S. Francesco, costeggiando il Parco della Rimembranza sede del locale WWF, si attraversa Piazza della Repubblica con la sua caratteristica fontana e si arriva a Porta Napoletana, sotto il Tempio di Giove all’ombra del Pisco Montano.

Info Percorso:

Giorno percorso: sabato 31 ottobre
Tempo di percorrenza: 3 ore (escluse le soste)
Lunghezza: 4,5 km
Difficoltà: media
Punto di partenza: Via del Molo – area partenze Traghetti
Orario di partenza delle visite guidate: ore 9

Per Informazioni:

Comune di Terracina Ufficio Turismo
Patrizia Battaglia
Tel.: 0773 764557
Fax: 0773 733664
E-mail: turismo@comune.terracina.lt.it

Ufficio Beni Culturali
Maria Teresa Cicerano
Tel.: 0773 707278
Fax: 0773 707278
E-mail:beni.culturali@comune.terracina.lt.it

LA RICETTA: RISOTTO GAMBERI BIANCHI DI TERRACINA E ZAFFERANO DI CAMPOSORIANO

Ingredienti ( 4persone ):
300 gr Riso carnaroli
400 gr gamberi bianchi di Terracina
brodo di pesce
zafferano di Camposoriano
sale
1 cucchiaio di burro acido
vino bianco
olio extra vergine d’oliva

Procedimento:
In un tegame tostare il riso con olio preriscaldato, sfumare con il vino e aggiungere il brodo di pesce precedentemente preparato utilizzando il carapace dei gamberi sgusciati e lische di pesce locale. Mantenere il riso in cottura a fuoco moderato aggiungendo di volta in volta del brodo fino a portarlo a cottura ultimata (circa 15 min). Tostare i pistilli di zafferano in un padellino antiaderente e con cura polverizzarlo. Aggiungere del brodo allo zafferano prima di versarlo nel tegame con il risotto. Mescolare a fiamma spenta e aggiustare di sale. Ultimare la mantecatura del risotto con il burro acido e prima di servire unire i gamberi bianchi precedentemente sgusciati. Porzionare nel piatto il risotto e servire ben caldo.

LA RICETTA: TORTOLO

Ingredienti:
3 kg di farina 00
2 cubetti di lievito di birra
15 uova
700 gr di zucchero
500 gr di strutto
½ litro di olio d’oliva
50 gr semi di anice
Rum
vino bianco

Esecuzione:
Impastare al mattino 1 kg di farina con un cubetto di lievito di birra e lasciar lievitare al caldo. La sera sciogliere in acqua tiepida e un pizzico di sale 1 cubetto di lievito di birra. Sbattere le uova con lo zucchero e sciogliervi l’impasto cresciuto preparato al mattino e il lievito sciolto in acqua. Aggiungere la restante farina e tutto il resto degli ingredienti rimasti. Mettere a lievitare in un luogo caldo. Il mattino seguente, aiutandosi con dell’olio sulle mani, intavolare i tortoli, attorcigliando l’impasto in contenitori alti precedentemente, unti e infarinati. Lasciarli nuovamente lievitare e quando avranno raddoppiato il loro volume infornarli a 160° per circa 1 ora.